Autore: Gianfranco Massetti (Gianfranco Massetti)

Home Gianfranco Massetti
Articolo

il Parco Nord cresce..

Dal sito di Dialogonews apprendiamo che ll Parco Nord continua a crescere. Dopo la decisione del Comune di Cinisello Balsamo di inserivi le aree di Sant Eusebio ora sono le aree del parco della Balossa di Ospitaletto di Cormano. Bene. Così altre aree verdi avranno un vincolo di tutela più forte di quelle inserite in un semplice PLIS. Forse è il caso di ragionare anche sulle nostre aree e sul destino del nostro PLIS Grubria.

” BRESSO – Lo spazio di verde del Parco Nord cresce di altri 22 ettari di terreno acquisiti dal parco della Balossa, area che si mette a disposizione dei cittadini che frequentano il polmone di verde più grande della provincia. E’ stato lo stesso presidente del parco Marzio Marzorati a mettere il cartello nella zona nuova con su scritto “proprietà di tutti”. Un terreno tra Cormano e Nova Milanese.

In questo modo andare a piedi o in bicicletta diventa sempre più un’opportunità all’interno di aree verdi ricche di vegetazione, animali e aria buona. Il sindaco di Cormano Luigi Magistro ha sottolineato questa collaborazione con il Parco Nord che porta ad avere più spazio per i cittadini. Occorre tenere conto che in questo modo l’utilizzo del parco della Balossa diventa una cosa unica con il Parco Nord e andare in bici è già possibile.

I ciclisti possono già utilizzare la pista ciclabile dallo svincolo della “Milano-Meda” della rotonda tra via dei Giovi e via Gramsci al ponte dell’autostrada A4 verso il capolinea M3 Comasina, nella zona sud di Cormano: sotto il cavalcavia, all’altezza dell’impianto semaforico, è già possibile raggiungere anche la pista ciclabile di via Torino …

Articolo

Anna Varisco si presenta..

Dal sito del Citttadino di Monza e Brianza:

Sala di via Corridori affollata da rappresentanti delle associazioni del territorio e semplici cittadini, per salutare la presentazione della candidatura di Anna Varisco a sindaco di Paderno Dugnano per le prossime elezioni comunali di giugno, nella mattina di sabato 24 febbraio. Per la prima volta da tempo immemore a Paderno Dugnano, il centrosinistra completo di partito nazionale del Pd, Italia Viva e liste civiche anche di sinistra, corre unito fin dal primo turno. E lo fa sotto il nome della assessora a Scuola, Cultura, Giovani, Partecipazione, Comunicazione ai Cittadini, Educazione Ambientale, Qualità della Vita della attuale giunta Casati. Il primo cittadino Ezio Casati ha deciso di non ri candidarsi, cedendo il passo a questa appartenente alla sinistra ambientalista padernese protagonista di tante battaglie per la sopravvivenza e il consolidamento del Grugnotorto prima, e poi per le mitigazioni della Rho-Monza e tante altre azioni di stampo ecologista che hanno interessato la città negli ultimi decenni. Uniti a sostenere Varisco ci sono Partito Democratico, Italia Viva e le liste civiche Sinistra per Paderno Dugnano, Persone al Centro, Insieme per Cambiare, Paderno Dugnano Futura.

Paderno: Anna Varisco e la coalizione di centrosinistra

Presenti alla presentazione presso quella che è la ex sede di quartiere di Cassina Amata, c’erano il sindaco uscente Ezio Casati, la consigliera di Città Metropolitana con delega a Infrastrutture e Metrotranvie Daniela Caputo, l’assessore al Commercio Paolo Mapelli, che si è quasi subito sfilato dai candidati spianando la strada a Varisco, e scongiurando così qualsiasi possibile ipotesi di Primarie del centrosinistra locale.

Paderno: Anna Varisco e il passo indietro di

Articolo

Fourier e le comunità energetiche

Aerial view of solar panels on manufacturing factory building roof at Shanghai free trade zone,China.

Articolo di Ottorino Pagani:

La logica del falansterio.

Con il termine falansterio il filosofo e politologo francese Charles Fourier, indicava la struttura abitativa in cui si svolgeva la vita dei membri dell’unità sociale di base prevista nelle sue teorie e da lui denominata “falange”. Secondo il pensatore politico francese, ogni falange avrebbe dovuto essere costituita da un minimo di 1600 a un massimo di 2200 individui, comprendendo circa 450 famiglie. L’attività economica della falange sarebbe stata fondata sulla proprietà societaria, in grado di garantire a tutti la partecipazione agli utili, in proporzione dei conferimenti fatti al patrimonio comune. Tutti al suo interno sarebbero stati al tempo stesso produttori e  consumatori, partecipando agli utili sulla base di quelli che Fourier riteneva essere i tre fattori della produzione: capitale, lavoro e talento.”

La logica fantasiosa di Fourier si ritrova nel Decreto Legge che “disciplina le modalità di incentivazione per sostenere l’energia elettrica da impianti di fonti rinnovabili inseriti in condizioni di autoconsumo per la condivisione dell’energia rinnovabile …”, con un’innovazione: il concetto di autoconsumo virtuale, che permette di realizzare dei “falansteri energetici virtuali”.

Tutti gli italiani pagheranno in bolletta, per 20 anni, il finanziamento degli incentivi per un numero circoscritto (fino al raggiungimento della capacità di 5GW) di Comunità Energetiche Rinnovabili; questo beneficio economico andrà quindi ad un numero limitato di CER che incideranno per un valore residuale sulla capacità totale degli impianti di energia elettrica con fonti rinnovabili previsti per il 2030: 5 GW sul totale previsto di 131 GW, cioè: …